Perché fare un rendering 3D, quando la fotografia.

Il rendering 3D è un alleato indispensabile per l'interior design e l'arredamento.

Il rendering 3D è un alleato indispensabile per l’interior design e l’arredamento.

Accade ormai spesso che le aziende si trovino di fronte a questo bivio: meglio pensare a un rendering 3D oppure a una fotografia digitale? In realtà, impostata così, la domanda richiama solo risposte generiche. La vera domanda è: quali sono gli obiettivi di mercato? E poi, cosa occorre mostrare? Cosa serve far capire attraverso le immagini? Il fulcro della questione è rappresentato dal marketing perché sia un rendering 3D sia una fotografia permettono di creare immagini che possiedono un notevole impatto emozionale, ideale per le campagne pubblicitarie. Sebbene la fotografia costituisca la scelta più tradizionale, i rendering di prodotto stanno diventando sempre più popolari. Su questo fenomeno, c’è un dato interessante. IKEA avrebbe rivelato che i propri cataloghi siano composti per il 75% da immagini digitali, e nessuno avrebbe notato la differenza, probabilmente soltanto pochissimi professionisti del settore.

Quali sono quindi i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna scelta?

Perché fare un rendering 3D, quando la fotografia digitale.

Gli interni sono resi con atmosfera, un’ottima presentazione per i nuovi progetti di architettura.

Il rendering 3D: velocità e qualità.

Il pensiero di lavorare su un’immagine che sarà resa con un applicativo di modellazione 3D può portare a pensare a qualcosa di più economico, veloce e facile. È così, ma non sempre. Per conferire fotorealismo a un’immagine tridimensionale occorre conoscere a fondo almeno un paio di applicativi per la modellazione, e dei plugin specifici per lavorare sui dettagli, quali le luci e le materie. Significa tempo per formarsi e fare esercizio sui software di modellazione 3D, costruendo la propria esperienza. Ma i risultati sono assicurati. Nessun allestimento richiesto, niente set che richiedono giornate di lavoro per essere montati. Superato il periodo di conoscenza dei mezzi, è possibile produrre rapidamente rendering 3D. La qualità verrà da sé e quando richiesta, perché occorre capire cosa chiede il cliente, se un’idea del prodotto oppure una sua curata rappresentazione di effetto.
Quindi con la produzione di un’immagine tridimensionale non è necessario dover attendere per avere “la luce giusta”. E poi le basi di partenza: l’immagine nasce anche da un progetto AutoCAD. Ogni suo dettaglio – colori, ombre, luci, spazi – sarà reso digitalmente col fine di conferire ai prodotti la luce migliore, soprattutto scegliendola e governandola. Grazie a un rendering 3D si può davvero ottenere l’effetto desiderato, con un importante risparmio sui costi di produzione.

Meglio un rendering 3D oppure una fotografia digitale?

Un nuovo modello di fotocamera digitale viene reso e studiato completamente grazie al rendering di prodotto.

La fotografia digitale e il fotoritocco in postproduzione.

Si è già detto che la fotografia costituisca la scelta più tradizionale, come mai? Si potrebbe spiegare così: ricerca del realismo. Impareggiabile. Una sessione di shooting fotografico permette di ottenere una rappresentazione del vero, ma la postproduzione sull’immagine rimane comunque essenziale. Ogni immagine viene lavorata con dei ritocchi, più o meno importanti, specialmente quando destinata ad alcuni mercati specifici, e grazie al software leader: Adobe Photoshop. Un software che può creare anche da sé un buon 3D e che è al servizio dei software di modellazione 3D.
In ultima istanza, l’individuazione della location ideale può assorbire molte settimane di ricerca. L’allestimento risulta sempre complesso, specialmente nel momento in cui gli oggetti da
riprendere siano diversi. In media è richiesto un maggior numero di persone per la lavorazione, la modifica del set e dell’allestimento sono più “fisiche”, difficili e costose. Da non trascurare poi le condizione meteo: sempre un’incognita, nonostante le previsioni. Non da ultimi, i problemi di logistica: caricare gli arredi sui mezzi di trasporto, se si tratta di fotografia industriale, e in ogni caso tutte le attrezzature richieste. E ogni cambiamento, ogni giorno in più rispetto a quanto stabilito nel progetto, ogni imprevisto sul percorso potrebbe costare più denaro al cliente o un margine minore per il fotografo.

Quindi, se sei un’azienda o uno studio e ti serve una consulenza professionale per la produzione delle tue immagini digitali, contattaci qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi informazioni su tutti i corsi nella Tua zona.

Compila qui il modulo.