Le competenze per il lavoro nel 2021.

Digitale, tecnologie IT e nuove skills.

Le competenze per il lavoro nel 2021.

Le previsioni di inizio anno si sono andate consolidando in questi mesi e le competenze più richieste dalle aziende si sono consolidate. La tendenza al lavoro agile, lo smart working, non è più soltanto legata a ragioni contingenti e irrinunciabili, è divenuta una realtà di cui si apprezzano i benefici. Perché per molte professioni la necessità di lavorare e interagire a distanza è stata una scoperta che ha piantato basi stabili. Le conference call hanno un valore immenso nell’azzerare i tempi di spostamento, a tutto vantaggio della produttività. La condivisione di risorse e strumenti in cloud si è potenziata, consentendo di soddisfare necessità di confronto molto importanti, spesso dilatando i tempi di lavoro oppure, nei casi più virtuosi, comprimendoli a beneficio della vita famigliare. Per tutti, è fondamentale poter contare su infrastrutture IT a tecnologia evoluta, una dotazione hardware efficiente, applicazioni software sempre più semplici, ma non per questo meno ricche di funzioni. Questa maggiore capillarità nella diffusione delle tecnologie digitali apre a scenari molto precisi, in termini di competenze richieste dalle imprese.

LE QUALIFICHE E LE PROFESSIONI DELL’INFORMATICA.

In considerazione di quanto previsto al termine dello scorso anno da Assolavoro, l’associazione nazionale che riunisce le principali agenzie per il lavoro, fra le professioni a qualifica più elevata maggiormente richieste vi sono tutte quelle di carattere sanitario, per intuibili motivi. In realtà, è prevista una certa domanda di profili nelle aree dell’informatica e della tecnologia. Le ragioni sono piuttosto evidenti: occorre trovare risposte e soluzioni a problemi sempre più immediati. Servono studio degli scenari e per questo strumenti altrettanto specifici. Più nel dettaglio, le competenze richiamate riguardano l’ingegnerizzazione e l’analisi software, insieme alla gestione delle reti e delle infrastrutture IT. Di conseguenza i profili più richiesti sono legati all’ingegneria, con figure come il software engineer, specie Java, l’analista software, l’esperto dei sistemi di rete.

Le competenze per il lavoro nel 2021.

I PROFILI PER EDILIZIA E MECCANICA.

Sul crinale dell’edilizia, molto interessante la richiesta di una figura come l’onsite manager, il responsabile della gestione e dello sviluppo quotidiano dell’intero progetto di costruzione. Per quanto riguarda il settore tecnico-meccanico – del quale fanno parte operai, muratori e addetti nel settore tessile – le aziende chiedono personale specializzato. Per fare qualche esempio, gli addetti allo stampaggio, alle presse e alla lavorazione delle lamiere, gli operai tornitori e saldatori, gli addetti alle macchine CNC, gli operai di carpenteria e verniciatura nell’arredamento. In questo comparto, la tendenza è sempre più quella del reskilling che conduce le figure degli operai ad acquisire maggiori competenze con le tecnologie digitali.

LAVORI DIGITALI, COMUNICAZIONE E MARKETING.

Se per i profili di tecnici specializzati, descritti nel paragrafo precedente, lo smart working è difficilmente applicabile, quando non impossibile, lo scenario è diverso per i settori impiegatizi. In questi ultimi è prevista maggiore rilevanza alle fasi pre- e post- sale. I lavori digitali sono sempre più richiesti, le previsioni lo avevano stabilito e la tendenza in questi mesi lo ha confermato. Tuttavia non si tratta solo di ricerca del personale che sappia lavorare con le nuove tecnologie perché la ricerca è orientata anche a figure capaci di analizzare e offrire interpretazione ai dati digitali. In concreto, le previsioni individuano professionisti come il data analyst, il digital marketing manager, il SEO specialist, il communication expert, senza trascurare tutte le figure che trovano spazio nell’e-commerce. Considerando gli annunci di lavoro di questi mesi, le previsioni sembrano essere tutte largamente confermate.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI SUI CORSI PER LA TUA AZIENDA:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *