I fondi paritetici interprofessionali.

Per le imprese che intendono offrire una formazione continua e specializzata ai propri collaboratori esistono strumenti dedicati, molto efficaci, un’opportunità per tutte quelle aziende che intendono pianificare la propria crescita. Sono i Fondi Paritetici Interprofessionali per finanziare la formazione del personale in azienda, finalizzati al sostegno dell’incremento occupazionale e, allo stesso tempo, della competitività per le imprese.

Istituiti con la Legge 388/2000, i Fondi Paritetici Interprofessionali consentono alle aziende di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS alla formazione dei propri collaboratori. I destinatari dell’offerta formativa sono i lavoratori – dirigenti, quadri, impiegati, operai – che collaborano con imprese aderenti a questi fondi.

Oggi si stima che siano attivi 21 fondi, fra cui tre destinati alla formazione dei dirigenti. Le modalità per i finanziamenti sono un paio:

1. L’accantonamento aziendale su un conto dedicato: l’azienda accumula i propri versamenti sul fondo, attingendo direttamente da esso per finanziare la formazione del personale.
2. Gli avvisi di sistema: una modalità di finanziamento dei percorsi formativi realizzabile attraverso specifici bandi.

Allo stato odierno, i fondi interprofessionali possono altresì finanziare dei piani formativi individuali, insieme ad attività preparatorie per le iniziative di formazione. In ogni caso, tutti i piani formativi devono essere concordati fra le parti sociali.

La formazione finanziata.

Sul piano nazionale, i fondi costituiti e autorizzati sino a oggi, rappresentativi di una larga fetta delle aziende e dei lavoratori, sono i seguenti:

• Fondo Artigianato Formazione, Fondo per la formazione continua nelle imprese artigiane.
• Fon.Coop, Fondo per la formazione continua nelle imprese cooperative.
• Fondimpresa, Fondo per la formazione continua.
• Fondo Dirigenti PMI, Fondo per la formazione professionale continua dei dirigenti delle piccole e medie imprese industriali.
• Fondo Formazione PMI, Fondo per la formazione continua per le piccole e medie imprese.
• FONDIR., Fondo per la formazione continua dei dirigenti del terziario.
• FOR.TE., Fondo per la formazione continua del terziario.
• Fondirigenti, Fondirigenti Giuseppe Taliercio – Fondazione per la formazione alla dirigenza nelle imprese industriali.
• FON.TER., Fondo per la formazione continua dei lavoratori dipendenti nelle imprese del settore terziario: comparti turismo e distribuzione servizi.
• Fondoprofessioni, Fondo per la formazione continua negli Studi Professionali.
• Fond.E.R., Fondo per la formazione continua degli Enti Religiosi.
• Fon.Ar.Com., Fondo per la formazione continua nei comparti del terziario, dell’artigianato e delle piccole e medie imprese.
• For.Agri., Fondo di settore per la formazione professionale continua in agricoltura.
• Fondazienda, Fondo per la formazione continua dei quadri e dipendenti dei comparti commercio-turismo-servizi, artigianato e piccola.

Grazie a collaborazioni con enti riconosciuti da Regione Lombardia, iscritti all’Albo Regionale degli Operatori Accreditati ai servizi di istruzione e formazione professionale, FormadHoc offre alle aziende l’opportunità di sfruttare i finanziamenti pubblici per la formazione.

Hai un’azienda o uno studio professionale? Ti interessa ricevere maggiori informazioni sui corsi finanziati?

COMPILA IL MODULO:

Consenso al trattamento dei dati da parte di FormadHoc, secondo il disposto del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) e l'Informativa sulla Privacy pubblicata nella homepage di questo blog.
(Trattamento dei dati per le finalità di marketing indicate al punto 2c dell'Informativa Privacy).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *