I consigli pratici per studiare le lingue business.

FormadHoc Blog: i consigli per studiare le lingue business.

Le lingue business durante i meeting di lavoro. Giovane donna in una riunione.

LINGUE BUSINESS: IL LORO STUDIO.

L’obiettivo dello studio di una lingua business è simile a quello dello studio generale di una lingua straniera – impararla bene, nel minor tempo possibile – eppure anche diverso. Perché diverso è il contesto in cui viene utilizzata: il mondo del lavoro. Migliorare le competenze comunicative ed estendere la conoscenza del settore di riferimento in una lingua straniera è un binomio indispensabile per il buon successo professionale. A prescindere dal livello linguistico, maggiore sicurezza ed esperienza rappresentano qualità fondamentali per qualsiasi ambiente lavorativo. Proprio l’acquisizione di passaggi precisi nell’esposizione linguistica entro il proprio settore di attività, trasmette alla clientela e ai partner internazionali maggiore fiducia. Gli ambiti in cui ricercare e migliorare le competenze linguistiche sono parecchi, e sempre più specializzati al loro interno, come la finanza, le assicurazioni, l’immobiliare, la pubblica amministrazione, il diritto, le risorse umane, la medicina, l’ingegneria, l’informatica e altri ancora.
Fare progressi di apprendimento nello studio di una lingua per gli affari si rivela particolarmente utile in situazioni meno formali, dove la conversazione si fa più naturale. Peraltro, riuscire ad abbinare competenze comunicative e sociali risulta indispensabile per il mondo professionale, dove il connubio preciso tra abilità formali e informali è un requisito di rilievo.
Per questo motivo, in particolare, il livello di preparazione in ambito lavorativo si misura nella prontezza con cui si è in grado di rispondere. Non solo, i gruppi di studio fanno la differenza. Poter contare su gruppi eterogenei, anche attraverso i mezzi digitali, e potersi confrontare spesso, aiuta molto ad acquisire maggiore fluidità nell’argomentazione in una lingua straniera.

FormadHoc Blog: i consigli per studiare le lingue business.

Le lingue business danno maggiore sicurezza e serenità per affrontare gli affari.

ALCUNI CONSIGLI DI COMUNICAZIONE.

Non c’è solo lo studio, occorre considerare alcuni espedienti pratici da adottare subito per le comunicazioni quotidiane in una lingua business. Innanzitutto, non bisogna aver timore di sbagliare. Anche se il livello non è ancora perfetto, è fondamentale riuscire a farsi capire. Provare sempre, senza mai rinunciare. Più si pratica la lingua, più si acquisisce sicurezza nel parlarla. E poi, pensare proprio in quella lingua. Rinunciare a pensare in italiano, per dire quello che vogliamo dire nella lingua straniera. Il rischio è di apparire come gli ultimi arrivati, aspetto non positivo in ambito aziendale.

Poi, come a teatro, bisogna prepararsi perché risulta più facile seguire una discussione se gli argomenti sono già noti. In pratica, ad esempio, prima di prendere parte a una riunione, bisogna cercare di capire e di intuire di cosa ci si troverà a discutere. Aiuta molto rileggere i documenti che saranno esaminati, una buona pratica che aiuta anche a raccogliere appunti, per poi stilare un report dell’incontro. Prevedere anche degli schemi o una lista di punti chiave, direttamente nella lingua, rendono ogni processo di preparazione più veloce.
Cercare la semplicità, sia nelle comunicazioni verbali sia in quelle scritte, sempre. Less is more, e il linguaggio diventa più scorrevole, oltre che, naturalmente, più semplice.

Infine, lo schema dei vocaboli e il dizionario online, molto utile da tenere sempre aperto nel PC. Serve, ad esempio, per trovare sinonimi, arricchire il linguaggio, evitando la ripetizione degli stessi vocaboli, sintomo di scarsa esperienza.

FormadHoc Blog: i consigli per studiare le lingue business.

Le lingue per il business. Panorama fluviale di un quartiere d’affari.

ALCUNI ACCORGIMENTI DI RELAZIONE.

Non basta solo organizzare la comunicazione, per esprimersi al meglio in una lingua business bisogna anche approfittare del collega o del capo locale. L’impegno è quello di cercare sempre nuove occasioni per praticare gli scambi linguistici, soprattutto con persone madrelingua. Non bisogna avere timore di ricevere correzioni, i colleghi madrelingua sinceri lo fanno per aiutare, soprattutto coloro che intendono mettere a proprio agio. Se possibile, è assai costruttivo riuscire ad assorbire dai nativi tutte le sfumature, capire e distinguere le inflessioni. Se ci si trova a lavorare per una multinazionale, lo splendido isolamento nel proprio spazio non aiuta, in generale e in particolare, per esprimersi correttamente e allenare le proprie competenze linguistiche.
Infine, molto utile tenere un piccolo quaderno in cui segnare frasi e vocaboli nella lingua, da provare e scambiare con i colleghi locali. La preparazione di schemi e situazioni su una pagina scritta aiuta a fare chiarezza e a testare le proprie abilità comunicative nelle relazioni.

RICHIEDI INFORMAZIONI SUI CORSI DI LINGUE BUSINESS:

Consenso al trattamento dei dati da parte di FormadHoc, secondo il disposto del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) e l'Informativa sulla Privacy pubblicata in questo sito.
(Trattamento dei dati per le finalità di marketing indicate al punto 2C dell'Informativa Privacy).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *