Come migliorare le prestazioni del PC Windows / Prima parte

Blog: come migliorare le prestazioni del PC Windows?

Alcuni suggerimenti pratici per rendere migliori le prestazioni del proprio PC Windows.

Il PC Windows rallenta, come mai?

Accade molto spesso, il proprio PC si accende dopo molto più tempo perché le sue prestazioni sono molto ridotte. E le cause di questo fenomeno possono essere le più diverse. Innanzitutto, è necessario che ci sia un antivirus efficiente, prima ancora di mettersi al lavoro o allo svago. Si tratta di un’operazione indispensabile. Sul mercato ve ne sono di diversi tipi, sia gratuiti sia a pagamento, meglio optare per questi ultimi. Si avranno maggiori garanzie di protezione. Oggi gli antivirus sono completi, non cercano ed eliminano soltanto le minacce, ma proteggono anche dagli attacchi in rete, mettono al sicuro la navigazione nei browser e molto altro. Gli antivirus più evoluti sono veri partner di rete, proteggendo il dispositivo quando si trova collegato a una VPN (leggi l’articolo nel Blog CH), situazione oggi comune con lo smartworking. Bene, appurato che l’antivirus c’è e che è correttamente in funzione, se il PC è ancora lento, bisogna procedere per passaggi. Effettuare delle prove con pazienza, una per volta.

Blog: come migliorare le prestazioni del PC Windows?

Migliorare le prestazioni, passo dopo passo.

Prima di tutto, è necessario assicurarsi di disporre degli aggiornamenti più recenti, sia per Windows sia per i driver del dispositivo. Quando viene effettuata la verifica della disponibilità di aggiornamenti, il PC esegue anche la ricerca dei driver di dispositivo più aggiornati. E proprio loro possono contribuire a migliorare le prestazioni del sistema. Inoltre, una buona pratica è riavviare il PC e aprire solo le applicazioni che servono. Infatti l’apertura simultanea di molti programmi, browser Internet (Edge, Chrome ecc.), possono rallentare il PC. La presenza di molte schede del browser aperte, in particolare, può ridurre le sue prestazioni, per cui bisogna essere attenti a quante schede sono aperte e provvedere a chiuderle, se necessario. Se la chiusura di questi processi non sembra funzionare, bisogna provvedere a riavviare il PC, quindi aprire solo le applicazioni, i programmi e le finestre del browser che effettivamente sono necessari.
Poi, ReadyBoost. Di cosa si tratta? Esso consente di utilizzare un’unità rimovibile, quale un’unità flash USB, per migliorare le prestazioni del PC, senza dover aprire il computer oppure aggiungere più memoria (RAM). Per utilizzare ReadyBoost, bisognerà scegliere un’unità flash USB o una scheda di memoria che disponga di almeno 500 MB di spazio libero, insieme a un’elevata velocità di trasferimento dati.

Se queste indicazioni non bastano, nuovi suggerimenti sono in arrivo con il prossimo appuntamento!

INTERESSATO ALL’INFORMATICA? RICHIEDI INFORMAZIONI SUI CORSI DI INFORMATICA INTERMEDIA:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *